Millenium Bug

In sintesi

Probabilmente ricorderai il periodo di panico che invase il pianeta alla fine del ventesimo secolo. Ora non se ne parla più, ma c’è un insegnamento molto importante per tutti i Project Manager di primo pelo,

Il semplice nome “Y2K” probabilmente ha minacciato di distruggere i computer come li conoscevamo al tempo: aerei che precipitano, ospedali che si piantano e tutto quello che è collegato ad un computer, anzi, tutto ciò alimentato ad elettricità si sarebbe spento, a meno che non intervento massivo non avesse contenuto il famoso “Millenium Bug“.

Cosa porta a risparmiare sui bit

Il problema è molto semplice. I programmi realizzati 60-70 anni fa erano codificati rappresentando la cifra dell’anno con un numero di bit sufficiente ad indicare solo le ultime 2 delle 4 cifre (1998 = 98 e così via). La ragione di questa troncatura parte alle origini del digitale, attorno agli anni ’60, quando il costo dei supporti di memorizzazione dei dati era pari a 1 dollaro per bit, che tradotto ad oggi vorrebbe dire che 4GB di memoria sarebbero costati 32miliardi di dollari, Quindi ogni troncatura di dato, si traduceva in un immeso risparmio economico.

Tornando ai nostri tempi, anzi fermandoci al 31 dicembre 1999, i nostri orologi, microonde, treni e sistemi di supporto vitale stavano per “pensare” che il prossimo anno sarebbe stato il 1900 anziché il 2000… Come avrebbe fatto un aereo ad atterrare il primo gennaio del 2000 se l’attrezzatura di bordo era rimasta al 1900?

Come risultato dell’isteria generale, un incredibile carrozzone fu messo in piedi per metter la pezza e aggiornare i sistemi informatici mondiali. Si stima che alla deadline del 01/01/2000 sia stata spesa una cifra che oscilla tra i $100.000.000.000 (sì cento miliardi ragazzi) e i $300.000.000.000 per risolvere il “problema” del Millenium Bug.

Ma quindi?

Ma alla fine della fiera, che è successo?

Niente. O almeno così è sembrato dalla prospettiva di noi poveri mortali.

Nelle 2 decadi successive, Y2K è rimasto una sorta di barzelletta sull’isteria mondiale e sulla mole di soldi spesi per mitigare la situazione. Questo è quello che tutti pensiamo, me incluso.

In realtà, con qualche ricerca in più, Non è stato esattamente così.

Uno casi più tristi legati al Millenium Bug è stato registrato nel sistema sanitario britannico, che fece un terribile errore di calcolo riguardo il rischio della Sindrome di Down su delle donne in dolce attesa. I calcoli sull’età realizzati nei primi 5 mesi dell’anno erano letteralmente “cannati” restituendo ben 154 falsi positivi e, purtroppo, ben 2 aborti.

Un altro caso è stato registrato in Korea del Sud, dove circa 1000 famiglie hanno passato un inverno senza riscaldamento; in Egitto, sono state segnalati malfunzionamenti in diversi macchinari per la dialisi.

Ma il Millenium Bug non va ricordato per questi fallimenti, andrebbe ricordato per i suoi successi.

Nel processo di aggiustare il codice, gli sviluppatori hanno risolto molti altri bug, soprattutto nel codice nella stessa rete che utilizziamo ogni giorno. La ridondanza generata dalla fase di debugging non solo ha sanato il sistema ma ha letteralmente salvato vite: nella città di New York, la robustezza del sistema di telecomunicazione e di trasporto che ha superato la strage delle Torri Gemelle viene attribuita ai lavori realizzati proprio per prevenire il Millenium Bug.

L’insegnamento per i Project Manager di domani

In conclusione Y2K o Millenium Bug è considerato da molti un esempio di eccesso di preparazione per qualcosa che non si è mai manifestato. Tuttavia, come per molte preparazioni in vista di una catastrofe, il miglior scenario possibile è quando nessuno percepisce alcun tipo di effetto, proprio come nel caso dell’Y2K, Ovviamente era piuttosto improbabile che gli aerei si schiantassero, tuttavia i danni “minori” sono stati facilmente risolti proprio perché erano soggettivamente pochi rispetto a quanto già corretto. Se non fossero state prese delle misure cautelative, il volume di danni e di disastri sarebbe cresciuto esponenzialmente lasciando poche risorse per sistemare progressivamente il problema, con effetti oggettivamente catastrofici.

In sostanza: prevenire è sempre meglio che curare. Un copy che non tramonta mai.